Composizione del microbiota nei bambini con autismo: una nuova analisi conferma la presenza di disbiosi.

Maggio, 2020

Una recente metanalisi e revisione sistematica della letteratura, pubblicata sulla rivista Nutrients, ha raccolto e analizzato i dati scientifici provenienti da diversi studi che hanno confrontano il microbiota di 493 bambini con disturbo dello spettro autistico con quello 404 bambini di controllo, senza autismo.

I bambini con ASD hanno mostrato un’abbondanza significativamente più elevata dei generi Bacteroides, Parabacteroides, Clostridium, Faecalibacterium e Phascolarctobacterium e una percentuale inferiore di Coprococcus e Bifidobacterium.

I risultati hanno confermato che questa popolazione, rispetto a bambini con uno sviluppo neurologico tipico, presenta una disbiosi (alterazione della flora intestinale) a carico di alcuni gruppi di batteri. Queste alterazioni, alla luce della comunicazione microbiota-intestino-cervello, possono essere legate non solo ai sintomi gastrointestinali ma anche a quelli comportamentali.

Potete approfondire l’argomenteo sul sito di Nutrients cliccando QUI

Chiedi allo specialista

Il Dott. Matteo Alessio Chiappedi, specialista in Neuropsichiatria Infantile presso l'Istituto Neurologico Nazionale IRCCS Fondazione Casimiro Mondino, è a tua disposizione per rispondere a tutte le tue domande. Scrivici ora e ti risponderà in breve tempo.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy e autorizzo al trattamento dei miei dati
Autorizzo al trattamento dei miei dati secondo quanto disposto dalla privacy per l'invio di comunicazioni e newsletter (anche di soggetti terzi).